ENRIQUE VILA-MATAS LA VIDA DE LOS OTROS 
 índice     autobiografía     imágenes     obra     traducciones     premios     textos     la vida de los otros     recomendaciones     eventos

Foto de Josef Hoflehner

Foto de Josef Hoflehner

Foto de Josef Hoflehner
Fotos de Josef Hoflehner
TRAPEZISTI KAFKIANI SULL'ORLO DEL NULLA

ANDREA BAJANI


Franz Kafka era uno specialista del vuoto. In almeno due dei quattri racconti checompongono Unartista del digiuno, il vuoto è lo spazio estremo per eccellenza, quello in cui solitudine assoluta e esperienza artistica si incontrano. Il trapezista che si rifiuta di scendere dal suo trapezio, che decide di trascorrere la vita a mezz’aria, il digiunatore che pretende che il suo stomaco resti inviolato, sono due esempi di specialisti del vuoto. Sono tutti nel segno di Kafka i racconti di Esploratori dell’abisso, ultimo libro di Enrique Vila-Matas a uscire in Italia, l’ennesimo capitolo di un’opera tra le più geniali ed eccentriche oggi in Europa e non solo. Sono diciannove brevi racconti, e ogni storia è come se fosse affacciata sul nulla, come se le parole arrivassero fino al limite estremo del foglio per poi guardare giù: «più che precipitare, i miei esploratori si fermano su certe soglie e, prima di cadere, si dedicano a scandagliare l’abisso, a studiarlo. In fondo all’animo hanno un senso gaudente dell’esistenza». È in quel luogo sospeso – è lo stesso luogo in cui si aggira il protagonista di uno dei racconti, costretto a vagarenello spazio infinito,o il funambolo Maurice Forest-Meyer, che compare in molte delle storie, o lo spazio stesso del racconto a cui l’artista. Sophie Calle decide di dar vita fuori dalla pagina in una performance – che nasce la vertigine, la paura e l’allegria di fronte al vuoto che si spalanca sotto di loro. È quello lo spazio in cui sono sospesi tutti questi parenti kafkiani dell’artista del digiuno, uomini e donne «che hanno sentito il bisogno dell’isolamento radicale perché sapevano che ciò li avvicinava di più alla generale assurdità dell’esistenza e alla solitudine che prima opoi sarebbe giunta nel momento di morire».


Andrea Bajani (publicato in Il Sole 24 Hore, 2 Oct 2011)
 índice     autobiografía     imágenes     obra     traducciones     premios     textos     la vida de los otros     recomendaciones     eventos
www.enriquevilamatas.com